Ciaspolata al Viriblanc

CIASPOLATA AL VIRIBLANC

L’idea è nata così per caso … un mercoledì sera Mauro dice di aver sentito Ale e che la proposta era quella di fare quattro passi visto il bel tempo che davano per la domenica seguente. Si decide come meta il posto non molto frequentato in Val Grana ma ricco dal punto di vista paesaggistico. La voce della ciaspolata passa velocemente tra socio e socio e in poco tempo da una ciaspolata tra un paio di amici ci troviamo in 14 persone (forse anche colpa della ricca affluenza in sede del mercoledì). Partenza alle 7,00, ricca colazione a Caraglio come di rito, ciaspole ai piedi alle 10,00 e via lungo il sentiero … Partendo dalla Borgata Chiappi (frazione di Castelmagno) abbiamo iniziato a percorrere una comoda stradina innevata lasciandoci il paese alle nostra spalle fino a raggiungere  alcune malghe estive che ci hanno fatto pensare al famoso formaggio locale (… e alla merenda sinoira in programma per il pomeriggio) Risaliti alcuni piccoli dossi siamo entrati nella parte intermedia del Vallone Inciastar e con un ampio zizzagare a destra e sinistra abbiamo raggiunto il colle del Viriblanc. Il paesaggio lungo tutta la parte superiore della salita è stato mozzafiato: il monte Tiber, Tempesta e Crocetta si stagliavano alle spalle dell’abitato di Calstelmagno mentre dal Colle abbiamo avuto piena visuale sulle Cime dell’Argentera, del Matto e sul Canalone del Lorusa; inoltre grazie al bel tempo abbiamo potuto vedere la classica ma affascinante forma della cima del Monviso.

Consumato un “frugale” spuntino sul colle siamo scesi dall’itinerario dell’andata pensando alla ricca merenda che ci aspettava … eccovi alcune foto di questa giornata.